L'Oasi di Pescinello - Sito ufficiale della Associazione Pro Loco di Roccalbegna



Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

L'Oasi di Pescinello

Genius Loci

 


LA RISERVA  

Istituita con Delibera del Consiglio Provinciale di Grosseto del 13 maggio 1998 n. 71, è inserita nel Terzo Aggiornamento dell'Elenco ufficiale delle Aree Protette regionali (Del. C.R. 8 giugno 1999 n. 161).
E' compresa nel sito di Interesse Comunitario "Monte Labbro e Alta Valle dell'Albegna", individuato dalla Regione Toscana in base alla Direttiva "Habitat" n. 92/43/CEE e approvato con Del. C.R. 10 novembre 1998 n.342.

Comune : Roccalbegna
Estensione : 149 ettari


Situata immediatamente a monte di Roccalbegna, la Riserva tutela le pendici meridionali del complesso calcareo del Monte Labbro; le pendici settentrionali del monte sono invece in parte comprese nella vicina Riserva Naturale Provinciale "Monte Labbro". Caratterizzata da un ambiente aspro e di buona naturalità, l'area presenta un'elevata biodiversità, dovuta alla compresenza di boschi, arbusteti, rupi calcaree, forre, sorgenti e pozze. Sono presenti esemplari arborei di rilievo monumentale.

  GLI ALBERI MONUMENTALI

Gli "Alberi Monumentali" della Riserva naturale di Pescinello rappresentano gli organismi tra i più antichi che esistano in Italia. I Carpini neri presenti (Ostrya carpinifolia) raggiungono dimensioni eccezionali (normalmente il diametro massimo in esemplari cresciuti isolati, è riconosciuto in 50 cm mentre i nostri "patriarchi" misurano quasi un metro!).
Anche il Corniolo (Cornus mas) presenta una dimensione ed una forma incredibile, regalandoci poi in abbondanza anche i suoi frutti aciduli ma gustosi.
La Roverella (Quercus pubescens) del Campo del Quercione, domina da più secoli i "suoi" luoghi, facendoci immaginare decine di generazioni di agricoltori riposare sotto ai suoi possenti rami per godere dell'ombra estiva.
Ma i più misteriosi di tutti sono i Tigli (Tilia plathyphyllos) presenti in allineamenti particolari e di dimensioni enormi, da secoli guardiani di una natura intatta e "presenti" agli ancora misteriosi e sconosciuti "riti".

Per visitare i "Patriarchi" occorre richiedere il permesso della Proprietà dell' Azienda Agraria "Il Pescinello"
contattabile ai seguenti numeri telefonici : 0564 989176 - 333 1350610.
Si ricorda inoltre che è vietato il danneggiamento della fauna e della flora dell' intera Riserva naturale.


Testi e foto sono tratti dalla brochure pubblicata dalla Provincia di Grosseto come supplemento a
"Biotipi naturali e aree protette nella Provincia di Grosseto, collana "Quaderni delle aree protette", vol. I (2005)

 
20/05/2017

Torna ai contenuti | Torna al menu