Il sentiero del Monte Labbro - Sito ufficiale della Associazione Pro Loco di Roccalbegna



Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il sentiero del Monte Labbro


Tra le vette che si alzano a sud dell'Amiata, il Monte Labbro è la più riconoscibile e panoramica. Protetto da una Riserva Naturale Regionale estesa su 630 ettari, è oggi al centro di un programma LIFE finanziato dall'Unione Europea. Sulla vetta sorge la Torre di David, il curioso monumento costruito nell'Ottocento da David Lazzaretti, il "profeta dell'Amiata", che fondò il movimento dei Giurisdavidici e fu ucciso nel 1878. L'itinerario che raggiunge la cima dal termine della strada è brevissimo. Una pila è necessaria per inoltrarsi nella grotta. Il restauro della Torre di David è iniziato nel novembre 2004.
Da
Arcidosso (679 metri) o Santa Fiora (687 metri) si segue la strada che collega i due centri fino al valico delle Aiole, e qui si piega a sud (sinistra per chi arriva da Santa Fiora, destra se si proviene da Arcidosso) sulla statale 323 verso Roccalbegna e Semproniano. Dopo due chilometri, al km 33,400 della statale, si stacca a destra l'ampia strada sterrata che sale verso il Parco Faunistico e il Monte Labbro. Lo stesso punto può essere raggiunto anche da Roccalbegna (522 metri) o Semproniano (601 metri). Dal bivio si segue la strada sterrata che lascia a destra la diramazione per il Parco Faunistico, e sale a larghe svolte sugli spogli pendii del Monte Labbro, puntando in direzione della cima e del
suo ben visibile torrione. Superata una casa colonica si lascia a sinistra una diramazione (1090 metri) da cui arriva l'itinerario successivo, si tocca la Casa dei Davidiani (oggi usata come stalla) e si va a destra a un bivio. In poche decine di metri si raggiunge un piazzale (1120 metri) accanto al quale sono un'area da pic nic, dei cartelli del progetto LIFE e un prefabbricato.
Si prosegue a piedi per la carrareccia in salita, si supera un cancello, poi si continua per un sentiero nel bosco fino a una recinzione prima della quale arriva da sinistra il sentiero dell'itinerario 704. Scavalcata la recinzione (c'è una scaletta) si sale verso destra su terreno scoperto fino alla Torre di David e ai resti degli edifici e della chiesa sulla sinistra di questa. Poco più in basso è l'ingresso della grotta che ospita un altare giurisdavidico. La sommità della Torre è il punto più alto del Monte Labbro (1193 metri). Dalla spianata sommitale si ammira un eccezionale panorama sull'Amata. Tra andata e ritorno occorrono 0.30 ore
.


Itinerari trekking - [ 1 ] - 2  -  3 -  4

 
06/01/2019

Torna ai contenuti | Torna al menu